Giro in bicicletta da corsa con il Club Malini


Domenica 15 maggio 2016 ho fatto davvero una bella uscita in bicicletta da corsa con gli amici del Club Malini di Bologna

Come sempre il ritrovo è alle 8:30 davanti al negozio Malini Cicli a Casalecchio di Reno, due chiacchiere con gli amici ciclisti per decidere quale giro migliore e siamo partiti alla volta di Sasso Marconi, tutti in fila per uno per non intralciare il traffico sulla strada Porrettana, poi svolta a sinistra in direzione Vado e Rioveggio, e da qui si inizia a salire per Sparvo, un bella salita in mezzo alle colline da fare tutta in agilità senza forzare troppo, di media difficoltà con pendenza abbastanza costante, pochissimo traffico.  La discesa poi è stata verso Pian Del Voglio, con passaggio davanti al casello dell’autrostrada e nuova salita impegnativa alla volta di Montefredente, località collinare con diverse salite non molto ripide ma costanti, sempre da fare in agilità lavorando sulla cadenza. 

L’amico Enrico ha poi pensato di ravvivare il giro con un passaggio a Gabbiano, con diversi sali-scendi su strada completamente priva di traffico, ove si rende necessario il pronto utilizzo del cambio per avere sempre il rapporto giusto e qualche fuori sella per rilanciare prontamente la bici.

A questo punto ci siamo trovati sopra il paese di Monzuno, con una bella vista delle colline e vallate circostanti, un attimo di pausa e qualche foto e poi giù appunto passando dal centro del paese, un rapido rifornimento ad una fontana locale e la bellissima strada in discesa verso Vado, con asfalto in buone condizioni e curve insidiose che chiudono all’ultimo momento. Qui Enrico mi dice di voler tirare, gli dico di aspettarmi una volta arrivati in fondo e scendo prudente.

Arrivati a Vado è proprio Enrico a prender la testa del gruppo, ed inizia a tirarlo contro vento dandosi il cambio con Fabio e Stefano, io rimango nelle retrovie una volta tanto cercando di evitare l’effetto frenante del vento, si arriva rapidamente a Sasso Marconi, Fabio e Simone ci salutano andando verso casa, e rimaniamo in quattro alla volta di Mongardino, sempre impegnativa anche per via dell’asfalto poco scorrevole e caldo, ultima salita da fare prima di arrivare a casa. Io ed Enrico siamo davanti, Ramon e Stefano ci seguono, decido di affrontarla deciso in fuori sella per via del vento contro, Enrico mi lascia andare, salgo tenendo sempre sotto controllo i battiti e la respirazione per non andare troppo fuori soglia, la conosco a memoria e so i punti dove devo andar con calma e prender fiato per poi ripartire a spingere, arrivo in cima, faccio scendere i battiti ed aspetto gli amici.

A questo punto sono Enrico e Stefano che iniziano a tirare contro vento in pianura e sul terreno vallonato di Ponterivabella, io e Ramon seguiamo a ruota cercando di non staccarci, arrivati a Gessi saluto gli amici che vanno verso casa, contento di aver passato un’altra bella domenica mattina in compagnia dei miei amici ciclisti… il miglior modo di impegnare una domenica

 

Sparvo, Pian Del Voglio, Montefredente, Gabbiano, Monzuno, Vado, Mongardino, 110 km con 1750 m di dislivello a 26,2 km/h di media